Articoli

Documenti. La requisizione delle barche

Stampa

Riportamo qui di seguito una deposizione giurata rilasciata davanti al giudice del Tribunale di Pallanza, l'avvocato Costanzo Gazzera, da due barcaioli che si videro requisire dagli Austriaci i due barconi che stavano conducendo. Dalle loro parole si evince che gli Austriaci all'inizio di maggio avevano dato ordine a tutti i proprietari di barche della sponda piemontese di affondare le proprie imbarcazioni pena la requisizione.

 

«Io Sibiglia Luigi attesto che circa le ore quattro pomeridiane del 5 maggio 1859, essendo in condotta di due grossi barconi propri del sig. richiedente Antonio Restellini carichi di legnami con dette borre provenienti dal fiume Toce e diretti a Feriolo onde scaricarli, e quindi ricondurli nel Toce, ad effetto di ivi affondarli in obbedienza alla prepotente intimazione fatta dalla flottiglia austriaca di Laveno; appena si era scaricata una di dette barche fummo sorpresi da uno di detti battelli austriaci cioè il Benedech il quale col cannocchiale ci aveva veduti dalla punta di Belgirate e fatto discendere l’equipaggio in numero di venti uomini e più, questi con scuri si gettarono su detti barconi e scaricato, cioè gettato nel lago, le poche borre che ancor esistevano in detti barconi, questi in varii modi aprirono sul loro fondo e per tal mezzo li affondarono; siccome però per la qualità del legno rimasero soltanto a fior d’acqua, allora gli Austriaci attaccatili al Benedech li rimorchiarono fino a Laveno ove alcuni giorni dopo gli stessi Austriaci, chiuse le aperture fatte in detti barconi, li rimisero a galla e quindi li condussero nel Ticino presso Pavia pel loro servizio.

E io Gianelli Carlo depongo di essermi trovato presente e di aver veduto tutto quanto venne narrato da cotesto Sibiglia e ambi due depositiamo che il valore di detti barconi stati come sopra presi al sig. Antonio Restellini compresi i cordaggi e attrezzi relativi, supera le lire quattro mila cinquecento lo ché possiamo attestare come pratici del valore delle barche».

ASVb, Sala Storica Intrese, b. 2, fasc. 88

Città di Verbania. Il Risorgimento su Lago Maggiore - Il Risorgimento su Lago Maggiore
Joomla templates 1.7 by Hostgator