Articoli

Documenti. Proclama di Castelletto

Stampa


Proclama di Castelletto«Eletto in Milano dal Popolo e da' suoi rappresentanti a Duce d'uomini, la cui meta non è altro che la Indipendenza Italiana, io non posso conformarmi alle umilianti convenzioni ratificate dal Re di Sardegna, collo straniero abborrito dominatore del mio Paese.
Se il Re di Sardegna ha una corona che conserva a forza di colpe e di viltà io e i miei compagni non vogliamo conservare con infamia la nostra vita: non vogliamo senza compiere il nostro sagrifizio abbandonare la sorte della nostra sacra terra al ludibrio di chi la soggioga e la manomette.
Un impeto solo di combattimento gagliardo, un pensiero unanime ci valse la santa virile Indipendenza che gustammo, sebbene ben pochi fra i migliori l'avessero guadagnata, ed uniti poscia coi più, per inganno la vedessero scomparsa. Ma ora che il pensiero, sciolto l'iniquo freno alla sua manifestazione, già diffuse per tutte le menti quella suprema verità, che suona sterminio di tiranni ora che l'opera, da infiniti elementi rafforzata, si può coordinare, e la prestano già numerosi corpi amancipati dagli interessi regali; ora che sono smascherati quei traditori che pigliarono le redini della rivoluzione per annichilarla; ora che son note le ragioni dell'eccidio a Goito, delle mitraglie e delle febbri a Mantova, dello sterminio dei prodi Romani e Toscani, e delle codarde capitolazioni, il Popolo non vuole più inganni. Egli ha concepita la sovrana sua potenza: la provò, e vuole conservarla al prezzo della vita. Ed io ed i miei compagni che ne abbiamo fiducioso mandato che accoglieremo qual dono il più prezioso che potesse a noi largire il Supremo, noi vogliamo corrispondervi come ne spetta. - Noi vagheremo sulla terra che è nostra, non ad osservare indifferenti la tracotanza dei traditori, né le straniere depredazioni, ma per dare alla infelice e delusa nostra Patria l'ultimo nostro respiro combattendo senza tregua, e da leoni la Guerra Santa, la Guerra della Indipendenza Italiana.

Castelletto, 13 agosto 1848

GARIBALDI»

Città di Verbania. Il Risorgimento su Lago Maggiore - Il Risorgimento su Lago Maggiore
Joomla templates 1.7 by Hostgator