Articoli

Documenti. Dal diario di Adalberto Albertoletti

Stampa


«Sabbato 30 aprile 1859
Nubi in giro verso notte minuta pioggia. […]
In Pallanza grande agitazione per i fatti degli austriaci sul lago che si aggirano minacciosi depredando barche e facendo guasti.[…]

Domenica 1° maggio 1859
Pioggia in tutta la notte che seguita. […] oggi verso le ore quattro nelle vicinanze di Fondotoce avvenne uno scontro tra i vapori montati dagli austriaci ed i soldati di linea nostri, quelli tiravano colpi di cannone e mitraglia e questi col fucile.
Fu ferito un sergente nostro e rimasero morti quattro o cinque austriaci a bordo che non poterono sbarcare intenzionati ad impossessarsi dei barconi di quali ne mandarono a fondo circa un centinaio.
Vi fu grave allarme in Mergozzo per timore dell’invasione di quei Maledetti. I soldati nostri fuggirono verso il paese colli equipaggi e la cassa militare e nella notte si divisero in tanti picchetti dal porto del canale al porto di Candoglia per evitare una sorpresa.
Sbarcarono ad Intra e Pallanza e trovarono i piantoni del telegrafo.

Lunedì 2 maggio 1859
Giornata con nubi in giro.
In questa mattina dopo alcuni colpi di cannone gli austriaci sbarcarono a Fondotoce per colare a fondo i barconi, così rimane chiuso il passo per Pallanza».

Questo stralcio del diario del notaio mergozzese Adalberto Albertoletti è stato gentilmente concesso dal signor Carlo Armanini.

Città di Verbania. Il Risorgimento su Lago Maggiore - Il Risorgimento su Lago Maggiore
Joomla templates 1.7 by Hostgator